www.fuoristrada.it | Contattaci






State visitando l'archivio del forum di fuoristrada.it. Il nuovo forum si trova QUI

Idea per blocco differenziale Log In | Log Out | Indice | Cerca | Profilo utente

Indice » Mitsubishi » Pajero Pinin » Idea per blocco differenziale « Precedente Seguente »

  Titolo Utente Messaggi Pagine Ultimo Messaggio
Archive through ettore (Et76)20 03-10-11 09:01
Archive through ZioLupo (Fantic240)20 05-04-13 14:39
  ClosedChiuso: Non sono accettati nuovi messaggi in questa pagina        

Autore Messaggio
 

giovanni gigliozzi (Ggiglio)
Member
Username: Ggiglio

Registrato: 02-2009
Inviato il venerdì 05 aprile 2013 - 19:03:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

Ciao Zio !
l'idea di bloccare il movimento (tiraggio) di uno dei due cordini mi piace, pero':
Il "bilancere" dovrebbe essere snodato, in modo da poter tirare da una parte quando l'altra sia da lasciare lasca.
Bisognerebbe poi cercare di incanalare il movimento dei cordini (e del bilancere) su un percorso "obbligato", magari con delle pulegge di rinvio, per far si che i perni (infilandosi ad esempio in uno scatolotto) vadano ad agire "solo" dove devono.
Detto cio' mi sembra che poter disporre di due "terminali" dietro il vano portalattine sia effettivamente "quello che cercavamo".
Dai che siamo in vista del traguardo... :-)
 

ZioLupo (Fantic240)
Advanced Member
Username: Fantic240

Registrato: 10-2009
Inviato il sabato 06 aprile 2013 - 21:51:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

Il 'bilanciere' E' snodato..
Nella foto sotto (scusandomi per la grafica da asilo):
se
innesto il perno rosso in uno dei due fori (uno, nero, è 'libero'),
tirando la leva del freno a mano
il 'bilanciere' è bloccato su quel lato e,
facendo QUASI perno più o meno nel punto giallo,
tira solo il cavo corrispondente alla freccia verde
e frena uno solo dei due tamburini posteriori.
O no?
http://foto.fuoristrada.it/albums/Mitsubishi/emh.s ized.jpg
 

ZioLupo (Fantic240)
Advanced Member
Username: Fantic240

Registrato: 10-2009
Inviato il sabato 06 aprile 2013 - 22:01:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

Scusate:
il fulcro diventa il rosso ed avanzano giallo e verde.
 

Off Road (Prima_ridotta)
Member
Username: Prima_ridotta

Registrato: 02-2010
Inviato il lunedì 08 aprile 2013 - 23:01:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

Ciao Zio,
grazie del contributo!
Ho capito il tuo concetto (che sulla carta potrebbe benissimo funzionare), ho dei dubbi al momento della registrazione del freno a mano ma forse lasciando adeguati "giochi" la cosa potrebbe essere compatibile.
Bisognerebbe realizzare un "prototipo" in scala per verificarne la efficacia, naturalmente completo di "dispositivo" per l'azionamento comunque necessario. Prima di bucare il pianale meglio fare qualche prova...
Tempo permettendo "prometto" di approfondire...
Saluti a tutti
 

ZioLupo (Fantic240)
Advanced Member
Username: Fantic240

Registrato: 10-2009
Inviato il martedì 09 aprile 2013 - 12:22:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio


Pensavo non fosse necessario "registrare" niente..
Quando serve, infili il perno (manualmente, da dentro l'abitalolo) in uno dei due fori
e tiri normalmente il freno a mano che verrà 'deviato' soltanto sul tamburino voluto..
Senza nessun perno il freno è esattamente quello di prima..
Avessi un ponte o una buca avrei già fatti danni?
Dove sbaglio?
 

Off Road (Prima_ridotta)
Member
Username: Prima_ridotta

Registrato: 02-2010
Inviato il martedì 09 aprile 2013 - 22:36:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

Zio,
mi riferivo al fatto che, per via dell'usura delle ganasce, periodicamente una registratina al freno a mano necessita (con conseguente avanzamento del "bilancere") quindi il "foro" andrebbe praticato tenendo conto anche di questo.
Invece, per quanto riguarda il semplice inserimento di un perno in un buco praticato sulla scocca (che non dovrebbe essere spessa che pochi millimetri), io ci andrei cauto. E' quasi sicuro che sollecitato dallo sforzo sia solo questo perno a "inclinarsi"!
Un dispositivo di una certa robustezza credo sia necessario (mi viene in mente una "boccola" filettata di almeno un paio di centimetri con due controdadi, dove far scorrere il perno).
Tutto questo "a naso", come dicevo sopra una prova preventiva credo sia indispensabile!
Ciao
 

ZioLupo (Fantic240)
Advanced Member
Username: Fantic240

Registrato: 10-2009
Inviato il mercoledì 10 aprile 2013 - 20:26:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

Off,
all'usura delle ganasce con conseguente avanzamento
del bilanciere per compensare non avevo pensato.
SE questo avanzamento supera una certa misura, hai ragione.
E SE la scocca, in quel punto, è così sottile,
effettivamente da sola non è sufficiente allo scopo.
Anche se lo sforzo non dovrebbe essere granché,
mi sa che hai di nuovo ragione..
Ne sai una più del !!
 

andrea visconti (Ribaltino)
Advanced Member
Username: Ribaltino

Registrato: 08-2003
Inviato il mercoledì 10 aprile 2013 - 22:39:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

Riguardo al differenziale "KAISER" chi lo produce ha solo scoperto l´acqua calda ventanni dopo un artigiano italiano di biella, il Sig Prina. Piu di ventanni fa il Prina produceva quel tipo di blocco su quel principo e funzionava meravigliosamente per non dire da DIO !!!!!!. L´ho usato per diverse stagioni in gara su un pajero che di serie non aveva piu niente e mi ha dato solo soddisfazioni, passavo e arrivavo dove altri se lo sognavano !!!.

Per quanto riguarda l´idea della leva del freno a mano veramente geniale, complimenti !!! il dispositivo per la selezione delle pulegge non e´ un problema farlo....direi una stupidata, copia il sistema di innesto delle marce del cambio ed hai la soluzione. se mi contatti in privato se ne puo parlare, ti posso anche aiutare a realizzarlo.

ciao

(Messaggio modificato da ribaltino il 10 aprile 2013)
 

Off Road (Prima_ridotta)
Member
Username: Prima_ridotta

Registrato: 02-2010
Inviato il venerdì 12 aprile 2013 - 23:38:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

Zio,
non ne sò una più del diavolo, è che la mia anz...(esperienza) mi ha fatto sbattere la testa più di una volta e allora oggi più che istintivo sono abbastanza riflessivo (forse pure troppo).
Per me vale sempre che bisogna fare un "modello" in scala e testare il tutto prima di bucare la scocca (ho anche scoperto che gli eventuali "fori" andrebbero probabilmente ad interferire con altri componenti nel lato superiore)

Andrea,
per il "kaiser" non mi sembra che ci sia molta "letteratura" in giro, a parte la pubblicità del produttore. Da quel poco che sono riuscito a capire sembra che sia un AutoSbloccante nel senso che è sempre bloccato salvo nelle curve che si "sblocca" (però, e qui sta il dubbio espresso da diversi utenti, sembra che la coppia passi quasi totalmente ad un solo semiasse con una sollecitazione quindi anomala.
Probabilmente la tua esperienza diretta dovrebbe toglierci qualsiasi dubbio!

Grazie molte della disponibilità, riguardo al nostro progettino! Ma non è che il "tuo" dispositivo include un vero cambio completo di sincronizzatori? Scherzo naturalmente ma sarebbe molto interessante realizzare qualcosa che sfrutti il principio del selettore marce... naturalmente di dimensioni adeguate allo spazio disponibile!
In questo periodo ho impegni prioritari che purtroppo non mi lasciano troppo tempo libero, comunque ci possiamo sentire in privato senza problemi anche se preferirei portare il "contributo" direttamente nel forum per condividere l'idea con gli altri amici che hanno mostrato interesse.
Ciao a tutti
 

andrea visconti (Ribaltino)
Advanced Member
Username: Ribaltino

Registrato: 08-2003
Inviato il domenica 14 aprile 2013 - 22:06:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

se volete piu informazioni per il differenziale provate a sentire il Prina di Biella, deve essere ancora sul mercato da quanto ne so.
A mio avviso il differenziale era piu che ottimo anche se io la macchina la usavo al 90% in gara ed il 10% per altro, si di asfalto ne facevo pero.....
devo anche dire che il mio pajo da gara non era molro di serie e i semiassi posteriori erano diventati flottanti e rinforzati...... per cui a sforzi ci facevo molto caso.....

per il lavorofatti sentire quando puoi
 

Federico (Rallyetor)
New member
Username: Rallyetor

Registrato: 02-2013
Inviato il lunedì 06 maggio 2013 - 23:35:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

Riguardo il differenziale Kaiser ho letto su alcuni forum di Pinin sparsi nel mondo (il Pinin sui mercati esteri è chiamato Pajero Io e TR4; in particolare i più attivi sono forum brasiliani, australiani e greci)
dicevo ho letto giudizi controversi, chi l'ha montato, e alcuni lo hanno montato sia al posteriore sia all'anteriore, si dice molto soddisfatto in offroad ma non altrettanto su asfalto, in cui i bloccaggi repentini in curva creano svariati problemi nella guida di tutti i giorni; questo è quanto ho letto.
Dicono: grande miglioria e esaltazione delle capacità fuoristradistiche del Pinin e peggioramento del comportamento su strada.

Sempre dai forum esteri ho appreso che il blocco ARB RD05 è montabile anche su Pinin, e tutti ne sono entusiasti senza controindicazioni.

Ovvio che bisogna ragionare ben bene prima di buttarsi in una spesa che tra blocco, compressore e manodopera arriva quasi alla metà del valore dell'intera auto....

Se uno fa competizioni è un conto, ma se uno si diverte solo la domenica a fare offroad col suo Pinin stradale allora non ha senso (secondo me) spendere: 2.000 euro in assetto, 1.600 euro in blocco Arb, altri 500 euro in pneumatici dalla spalla alta, altri 1.000 euro per accorciare le ridotte (che già sono lunghe di serie se poi si monta pneumatici spalla 80 diventano lunghissime),
morale si spende in preparazione più del valore stesso dell'auto.... per poi cmq avere un fuoristrada performante e leggero ma non estremo e valido come lo sono tantissimi altri, e soprattutto col grosso limite del MC Pherson all'anteriore, limite che pregiudicherà per sempre le prestazioni offroad del Pinin.

Io personalmente ritengo che spendere 5.000 euro di preparazione su un'auto che ne vale 4.000 (totale di 9.000) per poi comunque non riuscire a passare dove un Defender di serie di 20 anni fa (valore 7.000 euro) transita allegramente,
oppure rimanere bloccati col Pinin su quegli ostacoli in cui un Patrol di valore 3.000 euro con ulteriori 3.000 euro di preparazione letteralmente vola....... lo trovo assurdo!

Abbiamo un fuoristrada dall'ottimo bilanciamento tra comportamento stradale (grazie al MC Pherson) e capacità fuoristradistiche, accontentiamoci così perchè pretendere di trasformarlo in un 4x4 estremo è pura utopia....

Quindi visti i costi eccessivi delle preparazioni e dei blocchi 100% rispetto al valore commerciale dell'auto in sè, a mio modo di vedere l'unica possibilità è proprio lo splendido progetto che state abbozzando sul forum! Bravi complimenti agli ideatori e complimenti ai sostenitori che riusciranno a dare nuove idee e linfa vitale al progetto di un blocco meccanico dal costo contenuto per il Pinin!!!
Questa è l'unica strada percorribile. E vi applaudo per questo!

Montare un blocco Kaiser o Arb sul Pinin sarebbe come inserire un diamante su un anello di latta....ossia un'operazione senza "senso economico".....
L'anello di latta (Pinin) non sarà mai come un anello che già di serie è d'oro (Defender, Wrangler, Mercedes G), per cui è inutile montargli un costosissimo diamante kaiser o Arb....
 

Federico (Rallyetor)
New member
Username: Rallyetor

Registrato: 02-2013
Inviato il mercoledì 08 maggio 2013 - 16:43:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

...e questo pensiero lo esprime uno che ha appena speso dei gran soldi in assetto rialzato, cerchi, gomme, piastra e altro,
salvo poi rendermi conto che in off road sarò sempre di peso quando esco con gli altri che già di serie hanno un progetto più valido e specialistico, e volano con facilità sugli ostacoli dove io ci posso passare a 2 km/h e con tutte le accortezze del caso...
 

tomate (Tomate)
Junior Member
Username: Tomate

Registrato: 08-2008
Inviato il mercoledì 08 maggio 2013 - 18:10:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

Scusate, ma qual'é il TBR del torsen montato di serie sul pinin (`se di torsen si tratta)?

Se il TBR fosse ´maggiore di 1, non servirebbe sdoppiare il freno a mano.
Basterebbe azionarlo quando una ruota pattina, perché la coppia aggiuntiva scaricata dal torsen sarebbe maggiore di quella sottratta dal freno a mano.
 

giovanni gigliozzi (Ggiglio)
Member
Username: Ggiglio

Registrato: 02-2009
Inviato il mercoledì 08 maggio 2013 - 20:08:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

Al di la' dei numeri (squilibrio max tra coppia alle ruote 5:1), rimane il fatto che con una ruota posteriore ferma (alzata o comunque con aderenza 0) il torsen del pinin non funziona (5x0=0).
Quindi frenare UNA SOLA ruota rimane l'unico (auto)bloccante dei poveri.
Ribadisco pero' la mia idea: due cordini e leve separati e messi semplicemente in parallelo al freno a mano di serie, sia per semplicita' costruttiva che per evitare complicazioni in sede di revisione...
 

DaDe73 (Ingdade)
New member
Username: Ingdade

Registrato: 09-2012
Inviato il mercoledì 08 maggio 2013 - 20:44:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

Sono d'accordo con tomate: azionare il freno a mano quando sei in twist funziona eccome!
Essendo il differenziale di tipo Torsen, la coppia che arriva sulla ruota che gira meno (quindi che ha trazione) è superiore e pari ad un multiplo (credo intorno a 3) di quella che gira più forte (quindi sollevata) e questo fa si che il freno a mano, se correttamente bilanciato ed efficiente, da dei buoni risultati (provare per credere). Se infatti frena entrambe le ruote, quella che gira permetterà di "assorbire" una certa coppia (diciamo 1) ed il differenziale farà si che a quella ferma (ma aderente) arriverà una coppia 3 volte superiore (che sottratta quella assorbita del freno è comunque superiore a 1).


Se non si tira il freno, ovviamente, la coppia della ruota sollevata è zero ed anche zero sarà quella che arriva a terra.

Anche nel manuale, se non ricordo male, mamma Mitsu dice di azionarlo in caso di impossibilità ad avanzare.

Certo, non parliamo dell'efficacia di un blocco e funziona solo se non sei bloccato ma solo sollevato. Io più volte me la sono cavata (a volte è difficile ricordarsene...). Bisogna tirare il freno tanto e darci dentro ma, almeno a me, la macchina si è mossa. Se però hai spanciato o sei in forte salita, c'è poco da fare (ma anche con il freno sdoppiato ci sarebbe da faticare).

(Messaggio modificato da ingdade il 08 maggio 2013)


Aggiungi il tuo messaggio qui
Spedizione disabilitata in questo argomento. Contatta il moderatore per maggiori informazioni.
>>> VAI AL FORUM NUOVO Amministrazione