www.fuoristrada.it | Contattaci






State visitando l'archivio del forum di fuoristrada.it. Il nuovo forum si trova QUI

Problemi di raffreddamento Log In | Log Out | Indice | Cerca | Profilo utente

Indice » Uaz » Problemi di raffreddamento « Precedente Seguente »

Autore Messaggio
 

Luciano Pizzone (Indianapiz)
New member
Username: Indianapiz

Registrato: 10-2010
Inviato il martedì 26 ottobre 2010 - 13:28:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

Salve a tutti, sono un nuovo iscritto ed un vecchio appassionato della uaz. Ne ho possedute due: la prima comprata usata nell'87 e la seconda nuove nel '90. Ambedue Diesel con motori pegeout aspirati ed ambedue le ho rivendute con mio grande rammarico per continui problemi dell'impianto di raffreddamento. Dopodichè ho perso la fiducia nella uaz e sono passato a vari tipi di altre fuoristrada (tra cui una indistruttibile land cruiser della toyota con motore 4.4 diesel aspirato, non commerciabilizzata in italia). La cosa continua a dispiacermi perchè quello che ho fatto con le mie uaz non l'ho fatto con nessun altro mezzo. Possibile che sono stato l'unico sfortunato ad accusare questi problemi sulla uaz?
 

Erepecuru (Erepecuru)
Member
Username: Erepecuru

Registrato: 10-2008
Inviato il martedì 26 ottobre 2010 - 15:02:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

scusa mi spighi che problemi avevi???? Problemi di raffreddamento è troppo generico. Io ho fatto tutte le modifiche possibili immaginabili al raffreddamento uaz perciò magari ti posso aiutare
 

Luciano Pizzone (Indianapiz)
New member
Username: Indianapiz

Registrato: 10-2010
Inviato il giovedì 28 ottobre 2010 - 10:04:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

Buongiorno dr. erepecuru, dunque la prima uaz con motore 2.4 diesel pegeout la presi usata nell'87 con circa 7 anni di vita e l'ho utilizzata per 3 anni. Il concessionario di frosinone mi ha sostituito tre volte la guarnizione alla testata con relativo spianamento, dopo aver sostituito non mi ricordo più quante volte il termostato e la pompa acqua. Alla fine mi disse che probabilmente il monoblocco doveva avere una "piccola lesione" già dal mio acquisto. Così nel 90, perdutamente innamorato della uaz, decisi di comprare la nuova marathon "lux" motore pegeout 2.5 sempre aspirato. L'ho avuta per ben 12 anni, ci ho fatto addirittura il viaggio di nozze! Però tra il 2° e 3° anno già iniziavano i problemi di temperatura ed anche a questa ho cambiato innumerevoli volte il termostato, la pompa, ho messo una seconda ventola al radiatore azionabile dall'interno, revisionavo periodicamente i bulloni della testata con la dinamometrica, ho sostituito la guarnizione due o tre volte, infine presi un'altro motore rettificato. Ogni volta che sostituivo la guarnizione andavo bene per 5-6 mesi e poi ricominciavano i problemi, in sostanza dovevo sempre viaggiare con una tanica da 20 litri d'acqua. In particolare non ho mai avuto problemi in fuoristrada, anzi ho sempre dato delle buone lezioni a molti dimostrando la netta superiorità delle caratteristiche in fuoristrada della mitica uaz verso mezzi anche più potenti e molto più costosi. Utilizzando le ridotte la ventola sempre attiva girava più veloce e la temperatura rimaneva costantemente sugli 80-85 gradi. La uaz mi surriscaldava sui percorsi stradali, non andava subito in ebollizione ma spesso mi buttava tutta l'acqua del radiatore dalla vaschetta di raccolta (quella in plastica posta in alto con il tubicino di sfogo). Sulle salite anche non molto pendenti ma lunghe (livellette in autostrada o superstrada) la temperatura saliva in modo lento ma costante fino a buttarmi tutta l'acqua e l'unico modo per farla scendere era scalare in terza. Però come si fa a viaggiare a 50-60 all'ora in autostrada? Nonostante il motore non sembrava soffrire, anzi sembrava richiedere la quinta inesistente, la temperatura sugli allunghi in salita saliva inesorabilmente e quindi il più delle volte ero costretto a fermarmi e ad aprire il radiatore aggiungendo acqua con il motore in moto. A meno che non arrivava una provvidenziale discesa! Grazie per l'aiuto, avrai già capito che nonostante tutto sono ancora più che affezionato alla gloriosa uaz, anche perchè in effetti conoscendola non sono mai rimasto a piedi e non gli ho mai dato l'umiliazione di salire su un carro attrezzi o peggio essere trainata!
 

Erepecuru (Erepecuru)
Member
Username: Erepecuru

Registrato: 10-2008
Inviato il giovedì 28 ottobre 2010 - 12:31:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

guarda in effetti anche io ho avuto qualche problerma di riscaldamento con l'aspirato infatti ho bruciato la guarnizione della testa ma non l'ho sostituita perchè ho sostituito il motore con uno turbo. Comunque io penso questo che se usi la uaz diesel con il suo radiatore originale uaz scaldano tutte ma solo se la strapazzi se vai piano non scalda però questo discorso non regge perchè la macchina non deve scaldare mai. La soluzione è di cambiare il radiatore con uno con maggior massa radiante e non avrai più problemi. Io per far andare bene il turbo ho dovuto aggiungere un elemento al radiatore uaz, mettere un radiatore aggiuntivo sul parafango interno da 5 litri con ventola elettrica della opel corsa azionabile manulamente al bisogno e poi al radiatore centrale ho messo una mega ventola elettrica della volvo azionata da un sensore che si attacca ad 82 gradi più un comando manuale per quando affronto salite in estate. tutto qui eheheheh
 

daustria (Daustria)
Junior Member
Username: Daustria

Registrato: 11-2008
Inviato il giovedì 28 ottobre 2010 - 13:28:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

Ciao Luciano, beh io parto dal presupposto che il radiatore originale UAZ (che di solito viene lasciato nonostante le varie modifiche fatte nelle motorizzazioni) sia tarato per il motore benzina 2.500 anche se in uso in situazioni di maggior stress. Ora se così fosse allora sembra ovvio che un diverso motore potrebbe porre dei problemi in relazione all'adeguamento del sistema di raffreddamento. D'altra parte vi è anche che i due motori (il 2.500 benzina UMZ ed il pegeout diesel) hanno quasi la stessa resa in cavalli pertanto la potenza in Kcalorie da "raffreddare" dovrebbe essere molto simile, ma l'essere simile non è detto che possa portare i due circuiti di raffreddamento egualmente efficienti, senza contare che quello del benzina è a bassa pressione, mentre quello del diesel è ad alta pressione per il quale il radiatore originale UAZ non è assolutamente progettato.

Per parlare invece del motore di Erepecuru è ovvio che quello necessitava di una sostanziale modifica proprio per il maggior numero di cavalli sviluppati.
 

indianapiz (Indianapiz)
New member
Username: Indianapiz

Registrato: 10-2010
Inviato il lunedì 01 novembre 2010 - 16:31:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

Perlomeno mi sembra di capire che non sono stato l'unico sfortunato ad avere tali problemi con le uaz diesel. Quello che mi "urta" un po' è che come mai per un mezzo dalle tanto decantate (e veritiere) qualità fuoristradistiche nessuno si è mai preso la briga di denunciare quello che secondo me è il più grave difetto? Come è possibile che un mezzo tanto forte ed affidabile in fuoristrada devess'essere così vulnerabile nei percorsi stradali? Non sono un meccanico però penso che non ci voglia poi molto a dotare la uaz di un sistema di raffredamento più appropriato. Ripeto che le più belle soddisfazioni me le sono tolte con tale mezzo e sono ancora convinto che non ne esista un altro che possa affiancarlo, almeno nel fuoristrada che intendo io! Però da qui a doversi comprare un carrello, come si fa per i cingolati, per trasportarla sul "cantiere" perchè in strada la rovini, mi sembra un onere esagerato. Comunque grazie per avermi dato modo di esprimere la mia in onore dell'indimenticabile uaz. Spero, con l'aiuto di un buon meccanico-radiatorista, di poter tornare a "montarla" come ai vecchi tempi!
 

Erepecuru (Erepecuru)
Member
Username: Erepecuru

Registrato: 10-2008
Inviato il lunedì 01 novembre 2010 - 16:36:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

non aumentare la massa radiante in spessore ossia non aggiungere elementi al tuo radiatore ma fai costruire un radiatore nuovo con maggiore perimetro oppure vai allo sfascio e ne cerchi uno poi metti due ventole elettriche e non avrai più problemi neppure in africa


Aggiungi il tuo messaggio qui
Spedizione disabilitata in questo argomento. Contatta il moderatore per maggiori informazioni.
>>> VAI AL FORUM NUOVO Amministrazione