www.fuoristrada.it | Contattaci






State visitando l'archivio del forum di fuoristrada.it. Il nuovo forum si trova QUI

"storico" ma Autocarro ??? Log In | Log Out | Indice | Cerca | Profilo utente

Indice » Law & Order » "storico" ma Autocarro ??? « Precedente Seguente »

Autore Messaggio
 

Roberto Scopel (Armadillo)
New member
Username: Armadillo

Registrato: 03-2013
Inviato il martedì 12 marzo 2013 - 19:08:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

ciao a tutti
spero che tra di voi ci sia qualcuno che sappia darmi una risposta certa e inequivocabile o che sappia dirmi a chi rivolgermi...
Dopo 3 anni di lunghi restauri, proprio in questi giorni avrei voluto rimettere in strada una Uaz 469 benzina e GPL del '86 immatricolata a suo
tempo autocarro ma mi è giunta notizia proprio oggi che non è più possibile rendere "storico" un veicolo immatricolato "autocarro".

Mi è stato detto che dovrei convertirla ad uso automobile e assicurarla quindi come veicolo normale ma sentito l'assicuratore questi mi ha preventivato per la sola polizza
RC una cifra folle (tenuto conto che questo non è certo un veicolo per tutti i giorni e che lo userei se va bene una volta al mese !) mi ha però dato un altra notizia in netto
contrasto con la precedente notizia e cioè che "che se la iscrivessi ASI" (???) allora potrebbero farmi una tariffa molto più bassa.
Quindi non ci capisco più niente...è possibile rendere storico un veicolo immatricolato autocarro o no ? ognuno dice la sua e non so più a chi dar retta !
Un altra versione mi dice che iscrivendola ASI, è appena stata emanata una nuova normativa che vieta la circolazione di un veicolo storico immatricolato autocarro alla Domenica !
(che è proprio l'unico giorno in cui la potrei e la vorrei usare !!!)
Quindi non so proprio più a chi dar retta e se tenerla autocarro o trasformarla in autoveicolo passeggeri - potreste darmi un aiutino ?
 

Roberto De Carlo (Roby65to)
Senior Member
Username: Roby65to

Registrato: 03-2003
Inviato il martedì 12 marzo 2013 - 20:33:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

Scusa, ma dove senti tutte queste sciocchezze? Vai sul sito del' ASI e trovi tutte le risposte...
 

andrea marinetti (Amaretto)
New member
Username: Amaretto

Registrato: 04-2012
Inviato il martedì 19 marzo 2013 - 17:45:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

Rispondo parzialmente ma nel frattempo chiedo anche chiarimenti a chi ne sa qualcosa..
Anch'io ho un problema simile: Jeep cj7 autocarro con certificazione asi del 2004 da riassicurare.
Sul sito asi c'è un link ad un'assicurazione che però mette come condizione il fatto che il veicolo NON sia autocarro, altrimenti bisogna seguire la procedura di "azzeramento della portata" (ma riguarda anche i mezzi sotto le 3,5t ??). Allora è meglio riconvertire il mezzo ad autovettura (se non è usato per lavoro): ma per farlo bisogna che in precedenza questo sia nato come vettura e successivamente sia stato reimmatricolato autocarro; occorre anche dimostrarlo con le annotazioni sul libretto, cosa che sul mio manca (è stato rifatto e c'è scritto solo "autocarro", senza nessuna traccia di quando è avvenuta la trasformazione). A questo punto il dilemma è: fare la pratica per ritornare all'immatricolazione vettura, oppure trovare un'assicurazione che accetti gli autocarri come una qualunque auto storica senza problemi?
 

lucacj (Lucacj)
Advanced Member
Username: Lucacj

Registrato: 04-2007
Inviato il martedì 19 marzo 2013 - 18:23:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio


quote:

altrimenti bisogna seguire la procedura di "azzeramento della portata" (ma riguarda anche i mezzi sotto le 3,5t ??).






L'azzeramento della portata fa si che non si possa più usare per lavoro, questo soprattutto per evitare iscrizioni di una miriade di ducato transit e simili (anche pick up) di artigiani che per risparmiare lo usano tranquillamente snaturando lo scopo di preservare e mantenere storicamente originale il mezzo, ovviamente include TUTTI gli autocarri (basta vedere cosa c'è scritto nel libretto).

Nel tuo caso la via più breve è quella dell'azzeramento della portata (puoi trasportare tue attrezzature sportive, oggetti personali ma NON conto terzi o legate alla tua attività se con PIVA) vai in una primaria agenzia di pratiche auto con libretto ed iscrizione ASI e provvederenno loro.
Puoi anche recarti direttamente in motorizzazione se ce l'hai vicino casa e se non hai problemi a perderci tempo, ma se devi sottrarre ore di lavoro e km ti conviene pagare qualche euro di commissione all agenzia.

(Messaggio modificato da lucacj il 19 marzo 2013)
 

claudio casarin (Don_caio)
Advanced Member
Username: Don_caio

Registrato: 01-2004
Inviato il martedì 19 marzo 2013 - 18:35:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

Lucacj....per azzerare la portata devo per forza iscrivere all'ASI il CJ?
 

lucacj (Lucacj)
Advanced Member
Username: Lucacj

Registrato: 04-2007
Inviato il martedì 19 marzo 2013 - 20:12:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

La motorizzazione deve trascrivere a libretto "veicolo di interesse storico" (per ottenere anche le agevolazioni sul bollo) e accetta solo certificazioni dagli Enti preposti e riconosciuti dallo Stato Italiano:
ASI
Registri Storici Fiat, Lancia Alfa Romeo

E tu per ottenere l'assicurazione ridotta linkata nel sito asi devi avere la macchina iscritta asi e non solo per quell'assicurazione, oramai è pratica diffusa di molte compagnie che fanno le "storiche autocarro" richiedere iscrizione ASI ed azzeramento portata.
I miei mezzi storici presenti e passati sono stati tutti asi, tra cui un fuoristrada autocarro, ed ho sempre trovato polizze vantaggiose sia convenzionate direttamente sia "esterne" al sito asi.
 

andrea marinetti (Amaretto)
New member
Username: Amaretto

Registrato: 04-2012
Inviato il mercoledì 20 marzo 2013 - 10:53:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

Grazie Lucacj
nel frattempo ho chiamato motorizzazione e servizio clienti Jeep... Riferisco per chi fosse interessato (passaggio da autocarro ad autovettura): la motorizzazione vuole il nulla osta dalla casa madre, mentre la Jeep (80004265337)con grande sollecitudine mi voleva aprire la pratica prima ancora di dirmi il costo: ossia 195 euro se italiana, 295 se importata!! Però, a parte il costo, mi hanno detto che si può fare e che probabilmente non c'è nemmeno bisogno del passaggio in officina (rimontare il sedile di dietro è capace chiunque).(sul forum si parla del nulla osta come di un'odissea senza fine: http://archivio.fuoristrada.it/messages/18477/526598. html). Fatto questo potrei procedere col prenotarmi il collaudo in motorizzazione.... (resta da capire come ci vado al collaudo se la macchina non è assicurata!)
 

Roberto De Carlo (Roby65to)
Senior Member
Username: Roby65to

Registrato: 03-2003
Inviato il mercoledì 20 marzo 2013 - 11:27:   Segnala questo messaggio allo staff Invia un messaggio privato Modifica Messaggio Stampa Messaggio

con la targa prova, oppure trasportata su un carrello...ti chiedono anche la dichiarazione di lavori eseguiti a regola d'arte firmata da un meccanico della stessa provincia della MCTC dove fai il collaudo, non è ammesso il fai da te, per quanto facile sia montare un sedile...
>>> VAI AL FORUM NUOVO Amministrazione